Lello Girone

FRASI FAMOSE:"Io che credevo alle favole, e non capivo le logiche… È una fortuna che sono ancora vivo."


Classe 77, anima partenopea. Il pianoforte è un compagno di viaggio dall’età di 6 anni. L’amore per i Synth ed i suoi elettronici arriva grazie ai Pink Floyd. Un sound innovativo per le mie orecchie. Ed è così che mi ritrovo immerso nei cavi, tastiere e strani aggeggi.

Fan del komandante, amo suonare le sue canzoni. Negli anni ho avuto il piacere di suonare un pò con tutti i musicisti della sua band: Andrea Innesto (Cucchia), Claudio Golinelli (Il Gallo), Daniele Tedeschi (la roccia di Fronte del Palco), Clara Moroni (La grande Ferrari del Rock) e ovviamente con il lupo maremmano Alberto Rocchetti spiando qualche impostazione sui suoi synth.


A tutti i tastieristi va fatta una domanda: Piano Bar? Ovvio… immancabile per un tastierista! Ho iniziato a 16 anni e smesso intorno ai 25 anni perché senza compagni di viaggio la musica non aveva lo stesso sapore. Ho suonato di tutto, con una semplice batteria elettronica… le basi scarseggiavano e poi non erano di moda :-) Successivamente ho avuto il piacere di suonare in diverse band e confrontarmi con tantissimi amici musicisti: da un tributo a Pino Daniele fino a Lucio Battisti ed ovviamente ai Pink Floyd. L’attività più longeva è sempre stata Vasco: dai CSIC (Cosa succede in città) ai Radiokiller… poi il trasferimento a Milano dove ho incontrato Tano ed i Vasco Dentro.

Perché Vasco? Non saprei rispondere. Fa parte della mia vita quotidiana. Ci sono cresciuto, mi ha emozionato. .


.